Ultima modifica: 10 aprile 2018
> Sperimentazione Sportiva – Primaria Sede Racchetti

Sperimentazione Sportiva – Primaria Sede Racchetti

Gli orientamenti motori che vengono proposti nella nostra scuola sono:

CLASSI PRIME E SECONDE

  • Ginnastica di base : attività che migliora gradualmente la forza di volontà e sviluppa gli schemi motori di base come camminare, correre, saltare, rotolare, strisciare, lanciare, arrampicarsi, afferrare, stare in equilibrio, spingere, tirare,…
  • Psicomotricità: gli obiettivi della pratica psicomotoria educativa e preventiva possono essere individuati in alcune grandi aree, cioè Il recupero del vissuto di piacere senso-motorio di base per un’evoluzione globale del bambino, la comunicazione intesa come capacità di esprimersi, di entrare in relazione con le persone, lo spazio, il mondo circostante attraverso la messa in gioco dei propri linguaggi espressivi sia verbali che non verbali; la conoscenza intesa come appropriazione progressiva della realtà delle relazioni spaziotemporali e oggettuali, come scoperta del proprio corpo e della sua storia, delle caratteristiche “reali” degli oggetti e come potenziamento, quindi, delle capacità rappresentativa.
  • Acquaticità  : le finalità didattiche specifiche di questo percorso propedeutico al nuoto, come l’ambientamento e il galleggiamento in acqua , vanno di pari passo con obiettivi più generali, legati allo sviluppo ed alla conoscenza della personalità del bambino, come ad esempio l’autostima, la socializzazione, l’accettazione di un insuccesso, il superamento degli ostacoli, la concreta acquisizione di capacità motorie e di conseguenza maggior consapevolezza di sé e del proprio corpo.
  • Musicoterapia : è una tecnica che mira alla stimolazione e allo sviluppo di funzioni quali l’affettività, la motricità e il linguaggio, utilizzando l’espressione musicale, in quanto forma di comunicazione non verbale; è un’attività proposta a piccoli gruppi.

 

CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE

  • Nuoto: disciplina sportiva propedeutica per l’acquisizione e il consolidamento delle fasi di ambientamento, galleggiamento, scivolamento, acquaticità e impostazione degli stili.
  • Minibasket: gioco-sport riservato ai bambini dagli 8 agli 11 anni. E’ un gioco di squadra che aiuta i bambini ad uscire dall’egocentrismo ed è un potente mezzo di educazione sportiva e sociale. I fondamentali cestistici vengono insegnati sotto forma di gioco, le regole sono presentate progressivamente ed il regolamento si apprende giocando.
  • Pallamano: E’ uno sport molto dinamico e praticabile da tutti per la semplicità dei gesti base, tanto che viene anche usato dagli altri sport come attività allenante e propedeutica. A livello scolastico e di avviamento è forse lo sport più facile e completo da praticare, sia per lo schema di gioco lineare (due porte e una palla, come nel calcio) sia per la completezza fisiologica e per la corrispondenza ai requisiti dinamici di ragazzi e ragazze in piena età evolutiva .
  • Minivolley : è una forma di attività motoria polivalente ; è il gioco della pallavolo per i più piccoli, è divertente, semplice da apprendere e praticabile in palestra, perché non richiede attrezzature particolari. E’ un gioco basato sulle abilità del correre, del saltare,  del lanciare e del colpire, in situazioni in cui è necessario reagire in modo adeguato e in tempi brevi a stimoli di complessa interpretazione.
  • Minirugby: come tutte le discipline sportive, il gioco-sport del rugby scolastico ha come obiettivo quello di preparare e di educare i bambini al rispetto di alcuni principi fondamentali unanimemente ritenuti importanti nella formazione dei giovani ( rispetto della regola, dell’avversario, dell’arbitro o dell’educatore – controllo dell’aggressività – socializzazione – cooperazione e solidarietà – integrazione e realizzazione di progetti comuni).
  • Go back : è un gioco che prevede l’uso di palline da tennis depressurizzate e una coppia di racchette di legno per ogni giocatore. Si può giocare ovunque, in coppia o in gruppo. E’ propedeutico principalmente al tennis, ma anche alla pallavolo. Lo scopo del gioco è quello di far cadere, nel territorio della squadra avversaria, la pallina colpita con la racchetta. E’ un gioco che richiede coordinazione tra i movimenti degli arti superiori e quello degli arti inferiori, al fine di intercettare e colpire adeguatamente la pallina.
  • Nordic walking : disciplina sportiva che viene praticata camminando all’aria aperta, utilizzando 2 bastoncini da camminata con movimenti dello sci di fondo; sviluppa resistenza, forza e coordinazione.

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE

E’ un progetto organizzato dal Comune di Sondrio tramite il Comando di Polizia Municipale, al quale la scuola primaria “A. Racchetti” aderisce da qualche anno. Sono coinvolte le classi prime, terze e quinte con  2 ore a classe di lezione teorica , seguite da lezioni pratiche ( uscita a piedi per i bambini di prima, in bicicletta per gli altri). Il progetto si conclude con una giornata dimostrativa che coinvolge  tutte le classi che hanno aderito al progetto, generalmente alla fine  di maggio o ai primi di giugno.

 

PROGETTO DI COLLABORAZIONE CON IL CONI SONDRIO

A partire dall’anno scolastico 2017/18 la scuola primaria “ A. Racchetti” ha aderito alle proposte sportive  del Coni Sondrio, attivando il progetto “ SPORT DI CLASSE” che vede coinvolte le classi quarte e quinte per un percorso quadrimestrale con la presenza di un tutor ( 1 ora settimanale a classe).

PROGETTO “ RACCHETTE DI CLASSE”

La scuola primaria “ A. Racchetti” aderisce da alcuni anni al Progetto “ Racchette di classe”, proposto dal Tennis Club Sondrio, riservato alle classi 3^, 4^, 5^, che promuove un percorso formativo per  la conoscenza degli schemi basilari di gioco del badminton e del tennis.




Link vai su